Milano trema, fuggi fuggi in strada

Nessun ferito. Una scuola inagibile, 86 interventi dei Vigili del fuoco Mano nella mano Scatta il piano di evacuazione: gli alunni mano nella mano scappano in fila indiana

 

 

Bambini nei cortili o in fila indiana nelle strade. Con sciarpe e berretti, perché c' è stato il tempo e la serenità per scendere dai piani alti e radunarsi all' aperto. Stessa scena in aziende e uffici pubblici, da Palazzo Marino all' università Statale. Alle nove e dieci, più increduli che spaventati, molti milanesi erano in strada, con il telefonino incollato all' orecchio a raccontare e a farsi raccontare l' evento che questa città non si aspetta, la scossa di terremoto. Epicentro a centocinquanta chilometri di distanza, ma anche Milano ha tremato (4 gradi Richter secondo il Centro di geofisica), nessun danno ma ai piani alti soprattutto la scossa si è sentita. Per bambini e ragazzi di molte scuole il fuori programma è durato più di dieci secondi. Sono stati portati nei cortili e nelle vie vicine come previsto dai piani di evacuazione e lì sono rimasti anche ore, mentre squadre di Vigili del fuoco e ingegneri di Comune e Provincia controllavano gli edifici. Alcuni asili, elementari e licei sono rimasti chiusi, mamme, papà e nonni di corsa a prendere i bambini fuori orario: alla scuola di via Ariberto, all' elementare di via Sant' Orsola e al comprensivo di via Ugo da Pisa. E sono tornati a casa anche gli studenti del liceo Brera e dell' istituto Cattaneo di piazza Vetra. Oggi però lezioni regolari per tutti, con una sola eccezione, la scuola di via Ugo da Pisa, inagibile, non riapre. Alle nove e dieci erano vuote le classi di molte scuole. Maestre e insegnanti hanno «messo in sicurezza» bambini e ragazzi. L' istituto di via Ugo da Pisa è stato evacuato subito, era già malmesso, il Comune aveva in programma la demolizione a fine anno. La scuola resterà chiusa anche oggi e domani e le lezioni potrebbero riprendere altrove, negli istituti di via Narcisi e di via Anemoni. Gli alunni dell' elementare di via Sant' Orsola sono stati portati in piazza Borromeo mentre i Vigili del fuoco, chiamati dai genitori, ispezionavano la palazzina. Il via libera non è stato immediato e la preside ha preferito mandare tutti a casa. La scuola è poi risultata agibile, oggi lezioni regolari. Mattinata strana anche per le classi di via Ariberto, piombate in strada anche queste, tutti in fila sul marciapiede (ma i piccoli dell' asilo sono stati spostati in una scuola vicina): «Tutto regolare, domani (oggi) la scuola riapre. Bravi bambini, genitori, insegnanti e Comune», è il bilancio della preside Francesca Lavizzari. Altre chiamate dalla materna di via Affori, dove è risultata inagibile un' aula e dalla primaria di piazza Sicilia, lì fuori uso una classe e un ascensore. L' allarme è scattato anche in alcune superiori, in piazza Vetra lezioni sospese al liceo Brera e all' istituto Cattaneo (stesso edificio), ma oggi tutti in classe. Come allo Schiapparelli. «Nessuna emergenza nelle nostre scuole superiori - ha detto Marina Lazzati, assessore all' Edilizia scolastica della Provincia -. Ma stiamo raccogliendo ancora segnalazioni e i controlli continuano». Il vicesindaco Maria Grazia Guida ha confermato che resterà chiusa soltanto la scuola di via Ugo da Pisa. Ora di sera i Vigili del fuoco avevano fatto 86 interventi. Non soltanto nelle scuole. Al centro direzionale di Milanofiori ad Assago, vetri rotti negli uffici. E centinaia di telefonate, solo i Vigili del fuoco ne hanno contate più di trecento in un' ora. Oggi per loro il lavoro continua. Federica Cavadini RIPRODUZIONE RISERVATA **** La situazione Nessun danno grave nelle città lombarde, anche se la scossa si è sentita in tutta la regione, da Bergamo a Brescia, da Como a Varese Nel Milanese Interventi nelle scuole di Bollate, Pioltello, Parabiago e Cernusco. A Bollate i Vigili del fuoco sono usciti chiamati direttamente dal prefetto dopo che la preside di un istituto scolastico aveva contattato gli uffici di corso Monforte, ma la scuola è risultata agibile. Danni in una chiesa a Cinisello Balsamo Mantova Viadana la cittadina più colpita: scuole chiuse e chiusa qualche ora anche la centrale via Garibaldi, dove sono rimasti danneggiati alcuni edifici antichi e sono caduti calcinacci nella chiesa di Santa Maria Assunta in castello. Soppressi anche alcuni treni Bergamo Lievi danni ad alcune scuole di Bergamo e provincia. Una cinquantina d' istituti sono stati evacuati Varese, Como, Lecco In provincia di Varese sono state evacuate alcune scuole superiori. A Samarate è stata segnalata la caduta di calcinacci. A Como evacuate le magistrali e il liceo scientifico Paolo Giovio. A Lecco sono stati sgomberati temporaneamente uffici e scuole.

La ditta Ranghetti Art Proget offre ai suoi clienti un vasto servizio isolamenti e impermeabilizzazioni in tutta italia ma in particolare Lombardia, Piemonte, Veneto, Liguria, Val d’Aosta, Trentino, Emilia Romagna, e in tutte le loro province : Bergamo Varese, Sondrio, Lecco, Como, Milano, Pavia, Lodi, Brescia, Cremona, Mantova, Verbano, Biella, Asti, Novara, Vercelli, Alessandria, Torino, Cuneo, Verona, Treviso, Vicenza, Padova, Rovigo, Venezia, Belluno, Genova, Imperia, La spezia, Savona, Aosta, Bolzano, Trento, Piacenza, Parma .  

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA?

Accetto il trattamento dei dati personali in conformità del Regolamento UE 679/2016 (GDPR) in materia di Privacy.

entra in cantiere

progetti realizzati